Colle Ameno

Costruito fra il XVII e il XVIII secolo dalla famiglia senatoriale bolognese Ghisilieri, il borgo di Colle Ameno comprende una vasta area tra le cui mura era no racchiuse , oltre alla magnifica villa Ghisilieri e al palazzo Davia, un Borgo con strade interne , abitazioni, botteghe, scuderie, una tipografia, un teatro, un'accademi letteraria, un ospedale e una fabbriaca di maioliche che produceva ceramiche prestigiose con tipiche decorazioni in monocromia azzurra. 

L'oratorio e il borgo conservano ancora le caratteristiche originarie e sono stati restaurati mentre della villa non rimangono che suggestive rovine. Il palazzo di Colle Ameno, centro nel'700, di splendide feste e numerose attivit√† artistiche (verde ombroso coll ameno/ove ognor natura ed arte/ fan delle prove) era soprattutto famoso per la sua fabbrica di maioliche con tipiche decorazioni in monocromia azzurra, motivi e tipologie decorative ripresi ancor oggi da artigiani locali. durante la seconda guerra mondiale Colle Ameno fu sede di un comando militare tedesco e di un vero e proprio campo di prigionia.

Attualmente dopo un'attenta ristrutturazione, a cura del Comune di Sasso Marconi che ne √® proprietario, le abitazioni sono di nuovo occupate mentre spazi per botteghe e labratori sono destinati al recupero.